wtl-one

Test: la tua dieta è la vera Dieta Mediterranea?

Questa è la spiegazione delle risposte del test "la tua dieta è la vera Dieta Mediterranea?".
Come? Non hai ancora fatto il test?! Facile: lo trovi qui!

1. Come fai colazione?
Parlare di "vera colazione mediterranea" è difficile: a inizio '900 il primo pasto della giornata per la popolazione contadina era spesso costituito dagli avanzi della sera prima: pane raffermo, polenta, fagioli, un bel piatto di zuppa ecc. La "colazione dolce" che molti considerano quella classica italiana è in realtà arrivata molto dopo.
Non potendo proporre una bella pasta e fagioli a colazione, ho dato il miglior punteggio alle opzioni più salutari ed equilibrate.
Per questo quelle troppo ricche di zuccheri (come brioches e cappuccino o tè e biscotti) oppure troppo cariche di grassi saturi (come toast, bacon e uova, affettati e formaggi) hanno un punteggio basso.
Anche NON fare colazione è sconsigliabile (specie a chi vuole dimagrire!). Il caffè non dà energia, quindi da prenderlo a non prenderlo in realtà non cambia niente.

2. Quante porzioni di verdura mangi al giorno? Per porzione s'intende una ciotola da circa 200 g (80 g nel caso dell'insalata).
Questa direi che non necessiterebbe nemmeno di spiegazioni: è ormai dimostrato che chi mangia tanta verdura è più protetto nei confronti delle principali patologie dei nostri giorni: obesità, diabete, malattie cardiovascolari, alcuni tumori...

3. E la frutta? Nel caso della frutta la porzione è di circa 150 g, cioè un frutto medio (es. una mela)
Vedi sopra, sostituendo "verdura" con "frutta".

4. Quante varietà diverse di frutta e verdura mangi?
Anche la varietà è un fattore importantissimo: ci permette di assumere tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno e di alternare l'esposizione ad eventuali sostanze tossiche (presenti negli alimenti anche naturalmente).
E non ci sono "alimenti miracolosi" che facciano meglio degli altri: sono tutti utli!

5. Parliamo dei cereali, che contengono i temutissimi “carboidrati”...
Qui forse vale la pena soffermarsi un po' di più, visto il terrorismo psicologico che imperversa sui "carboidrati" e gli alimenti che li contengono!
La dieta mediterranea prevede che circa il 50-60% delle calorie porvenga da carboidrati, soprattuto quelli complessi. Il resto andrà invece suddiviso tra grassi e proteine. Quindi, come potete vedere, ai carboidrati spetta la fetta più grande!
La scelta più salutare è quindi mangiarli ad ogni pasto. E non solo pane e pasta: i cereali sono tanti e diversi!
Ovviamente, come in tutte le cose, anche esagerare è dannoso, così come ripiegare su cibi spazzatura.

6. E i legumi?
I legumi sono un alimento tra i più bistrattati: molte persone non li considerano nemmeno. Invece sono ottimi e il loro consumo frequente è altamente consigliato!

7. Quali condimenti ci sono sulla tua tavola?
Anche qui immagino di dover scrivere un chiarimento, perchè ho assegnato lo stesso punteggio all'olio extravergine di oliva e agli "oli di semi" in generale.
Il motivo è che l'olio d'oliva è il condimento tipico della nostra tradizione culinaria (e anche io lo preferisco sopra tutti e uso solo quello), ma altre cucine, come quelle orientali, fanno invece uso di altri oli, con gli stessi benefici per la salute. Chiaro che non si tratta di olio di palma o di cocco, troppo ricchi di grassi saturi.

8. Quanto fai uso del sale?
Che il sale vada ridotto penso sia cosa nota. La maggior parte del sale che mangiamo, però, non è quello che aggiungiamo noi a tavola ma quello già presente nei prodotti da forno (pane, crackers, grissini, merendine), in affettati, formaggi, sottaceti, piatti pronti ecc.

9. Ok, passiamo ai secondi: quante volte a settimana mangi la carne (o gli affettati)?
N.B. Anche il ragù è fatto con la carne, quindi conta come piatto di carne!

Nella dieta contadina la carne entrava molto di rado: era un piatto da signori!
Il consumo consigliato è di non più di una-due volte a settimana, prediligendo le carni magre. Oltrettutto, ridurre il consumo di carne è di enorme aiuto anche per l'ambiente.

10. E quale carne?
Come detto sopra, meglio le carni magre: affettati e salumi (troppo ricchi di sale) e salsicce e costicine (molto grasse) andrebbero consumati saltuariamente.

11. E il pesce? N.B. Nel pesce sono compresi anche crostacei e molluschi
Il pesce è un alimento tipico della dieta mediterranea e il suo consumo è associato a benefici per la salute. Tuttavia non è un aliemento essenziale, quindi la scelta di non mangiarlo non deve essere considerata sbagliata, se fatta con cognizione.

12. Per quanto riguarda latticini e uova
Due o tre porzioni di latte / yogurt al giorno e formaggi non più di due-tre volte a settimana; questo consigliano le linee guida. Le uova, demonizzate per via del colesterolo, sono state rivalutate. Sempre senza esagerare.

13. Con cosa fai merenda?
La merenda è un altro punto debole: spesso è il grande momento dei cibi-spazzatura. Piuttosto che così è meglio non farla!

14. Cosa bevi ai pasti?
Qui c'è poco da dire: ai pasti si beve acqua. Punto.
Certo, quando si esce fuori a cena magari si prenderà una bibita o un bicchiere di vino, ma non sono bevande da avere sulla tavola tutti i giorni. Specie se si hanno bambini!

15. Bevi alcolici?
No, il vino non fa buon sangue: meno se ne beve e meglio è! Qualche bicchiere ogni tanto ci può stare ma è bene sapere che l'alcol è stato riconosciuto come sostanza cancerogena (rientra nel gruppo 1 della classificazione IARC: cioè è "sicuramente cancerogeno per l'uomo").
Ci sono molte altre vie migliori per assumuere i polifenoli!

16. Tocchiamo un tasto dolente: i dolci...
Questa non credo dia adito a molti dubbi: un dolcetto ogni tanto va bene, troppi ovviamente no.

17. Passiamo al salato: compri (e mangi) spesso cibi confezionati?
Anche questa direi che si commenta da sè. Ma mentre i piatti pronti e i "potacci" sono indubbiamente da evitare (per via degli ingredienti spesso "dubbi" che possono contenere; sì, anche quelli "light", "senza zuccheri" ecc. anzi, soprattutto quelli light o senza zucchero!), comprare la passata di pomodoro confezionata o le verdure surgelate è di aiuto in cucina e perfettamente salutare.

18. Come mangi di solito?
Non importa solo cosa e quanto si mangia, ma anche come lo si fa: uno dei fondamenti della dieta mediterranea è la convivialità nello stare a tavola.
Mangiare lentamente e senza distrazioni (come TV o cellulari) aiuta a sentirsi sazi prima.

19. Fai attività fisica?
La dieta mediterranea è più di una semplice alimentazione: è uno stile di vita che comprende anche il movimento.
Meglio se regolare: chi cammina un'ora al giorno, cammina sette ore in una settimana; chi va in palestra due volte a settimana ma per il resto è sedentario arriva solo a un paio di ore di movimento a settimana. Per questo il suo punteggio è inferiore.
Sia chiaro, questo non è un ivito a disiscrivervi dalla palestra! Al contrario: dovreste sforzarvi di fare un po' di movimento anche negli altri giorni.

20. Il resto come va?
Come detto sopra, molti altri fattori influenzano la nostra salute; tra questi i principali sono, appunto, stress, sonno e fumo.

21. Domandona finale: il tuo peso com'è? (Se non lo sai, puoi fare il calcolo sulla homepage)
Il nostro peso è lo specchio delle nostre abitudini: se è corretto, allora probabilmente le nostre abitudini sono buone (ma non è detto...). Se invece siamo sovrappeso, allora sicuramente la nostra alimentazione non è buona!
Sottolineo comunque che per "sovrappeso" non intendo quel chilo e due di troppo che vorremmo buttare giù: ci sono delle apposite tabelle su cui basarsi e, ancora meglio, ci si può misurare il girovita, come indicato nella home

In conclusione, nessuno segue la dieta perfetta: anche essere troppo ossessivi e non concedersi nessun piacere è una malattia: si chiama "ortoressia". Tuttavia, quanto più ci si avvicina alle buone abitudini alimentari, tanto più ne gioverà la nostra salute.



Alla prossima!

Alessia Zaccarelli
Biologa Nutrizionista

Alessia Zaccarelli

Biologa Nutrizionista

Sane abitudini.

Commenti

Lascia un tuo commento